Nella seduta del 3 ottobre scorso, il Consiglio Comunale di Bari ha approvato il regolamento TARES con relativo PEF

M5S, centrosinistra danneggia cittadini con TARES

Il regalo di Nalate dell'amministrazione comunale: la TARES

Politica
Bari mercoledì 18 dicembre 2013
di La Redazione
Movimento 5 Stelle
Movimento 5 Stelle © n.d.

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Vincenzo Madetti, attivista del Movimento 5 Stelle Bari

 

Nella seduta del 3 ottobre scorso, il Consiglio Comunale di Bari ha approvato il regolamento TARES con relativo PEF. Tutto ciò ha palesemente danneggiato i cittadini in quanto ha comportato un aumento della tassa sullo smaltimento dei rifiuti di circa un 30%, che, in questi momenti di grave crisi, certamente ha contribuito a dare il colpo di grazia alle già esigue finanze delle famiglie baresi.

Con una raccolta differenziata porta a porta a tariffa puntuale, fatta in maniera seria e da persone competenti, sicuramente avremmo potuto avere un risparmio tra il 20 e il 30%. I consiglieri di maggioranza ovviamente non si sono minimamente preoccupati di chiedere all'assessore all'ambiente Maria Maugeri i motivi per cui a Bari non ci sia una raccolta differenziata che rientri nelle percentuali di Legge, ma si sono limitati a votare passivamente tale delibera. Di seguito l'elenco dei consiglieri che hanno votato a favore:

1) ANTONIO BISCEGLIE
2) MARCO BRONZINI
3) SALVATORE CAMPANELLI
4) ROBERTO CARBONE
5) GIUSEPPE CASCELLA
6) ANDREA DAMMACCO
7) FRANCESCO DE CARNE
GIUSEPPE DE SANTIS
9) MICHELE DURANTE
10) MARCO EMILIANO
11) NICOLA FRIVOLI
12) LUIGI FUIANO
13) PIERLUIGI INTRONA
14) MASSIMO MAIORANO
15) ANTONIO MARIANI
16) EMANUELE MARTINELLI
17) MARIA ASSUNTA MAZZEI
18) GIUSEPPE MUOLO
19) PIETRO PETRUZZELLI
20) FEDERICO PIRRO
21) DONATO RADOGNA
22) MARIA SANTACROCE
23) NICOLA SCIACOVELLI
24) ANGELO TOMMASICCHIO

Questo è il centrosinistra a Bari, questi sono gli interessi che perseguono sul territorio e questa è l'azione di governo che esercitano nella città. Adesso decidete liberamente voi cosa fare, se andare a votare ancora questi signori, oppure lasciare cadere quest'ultima foglia di fico, e decidere che, in questo paese, abbiamo bisogno che siano i cittadini a riappropriarsi delle istituzioni. Ma, adesso, non basterà più andare a votare, occorrerà rimboccarsi le maniche e partecipare.

Ci vediamo in comune dentro o fuori, sarà un piacere.

 

Lascia il tuo commento
commenti