Solo nei primi sei mesi del 2013 sono stati 65 i femminicidi compiuti in Italia

“Generare culture nonviolente ”: 50 eventi per dire No al fammenicidio

Una donna su tre al mondo ha subito abusi

Cultura
Bari giovedì 21 novembre 2013
di Marianna Cea
Fermiamo il femminicidio
Fermiamo il femminicidio © n.c.

Solo nei primi sei mesi del 2013 sono stati 65 i femminicidi compiuti in Italia.

Un numero spaventoso che ogni giorno aumenta sempre di più essendo purtroppo ormai le donne quotidianamente vittime ingiuste di violenze da parte degli ex mariti o dei loro compagni.

Per dire basta a questo fenomeno oggi sempre di più in crescita ( al mondo una donna su tre infatti è stata picchiata o ha subito abusi) e per sensibilizzare l'opinione pubblica alla condivisione di una cultura nonviolenta e rispettosa delle donne e delle differenze, proprio in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il 25 Novembre , è stata promossa una kermesse di eventi,laboratori e campagne di sensibilizzazione e comunicazione, seminari e performance dall'assessorato al Welfare del Comune di Bari insieme al Garante regionale dei diritti dei minori del Consiglio regionale della Puglia .

L'iniziativa dal titolo "Generare culture nonviolente tra le nuove generazioni contro la violenza sulle donne", prevede lo svolgimento di più di 50 eventi  che attraverseranno le strade e tanti altri luoghi  splendidi della nostra città.

Il progetto ,che è stato inaugurato lunedì al pronto soccorso del Policlinico , attraverso l'intitolazione ad Anna Costanzo(la truccatrice del Teatro Petruzzelli che è stata vittima di femminicidio per mano del suo ex compagno ) della "stanza rosa ",il primo luogo  in un capoluogo di regione,  ma che presto sarà aperto anche presso il Pronto soccorso dell'Ospedale San Paolo , in cui le donne vittime di violenza potranno essere accolte, ascoltate e protette . Un'iniziativa considerata dal Sindaco di Bari , Michele Emiliano di grande importanza non solo perché grazie ad essa le vittime potranno essere tutelate ed assistite , ma che permetterà di incentivare le indagini penali.

"Da magistrato mi è capitato infatti di considerare che le donne vittime di violenza spesso non erano garantite malgrado fossero il principale testimone di giustizia"- ha dichiarato il Primo Cittadino - " Il ricordo di questa donna straordinaria che amava la vita e il teatro è rimasto nel cuore di tutti coloro i quali l'hanno conosciuta e da oggi il suo nome  si lega ad un presidio fondamentale di tutela di tutte le vittime di violenza ."

Gli eventi in città però non sono  finiti  qua ; ricca è infatti la settimana in cui si rifletterà sul tema della violenza di genere .

Cortometraggi, installazioni, mostre fotografiche , reading con letture di genere presso la Biblioteca dei ragazzi/e, presentazioni di libri in Libreria Laterza e presso l'Università e tanti flash mob in strada e online.

Sul noto social network Facebook, ad esempio ,spopola il flashmob promosso da  Moscabianca e Come nasce una mamma dal titolo  #iocimettolascarpa , al quale sono invitati a partecipare  uomini e donne .

Per non dimenticare le donne e mostrare la loro solidarietà basta solo  indossare una scarpetta rossa , scattare una fotografia e postarla  sulla pagina Facebook dell'evento aggiungendo l'hashtag #iocimettolascarpa.

Una ricca settimana di eventi che si concluderà il 25 Novembre con un  corteo che partirà alle 17 da piazza Umberto e si snoderà lungo le principali vie cittadine .

In questo modo tutti i cittadini e le istituzioni , vestiti di rosso  , faranno sentire le loro  voci contro la violenza di genere.

Un 'iniziativa che si concluderà  alle 21 nell'Officina degli Esordi.

Bari  si mostra ,per fortuna , sensibile a questi temi ma soprattutto  come una  città che non vuole dimenticare le numerose vittime di violenza .

Oggi più che mai si desidera  contrastare questo grave fenomeno sensibilizzando non solo  l'opinione pubblica  ma anche le numerose vittime invitandole ad non aver paura e a denunciare i loro terribili aggressori.

Il programma completo degli eventi è disponibile online sul sito 

Lascia il tuo commento
commenti