Controlli di Finanza e Dogana

Porto, sequestrate 23 tonnellate di pellet

Il carico era su un tir sbarcato dalla Grecia. La documentazione riferiva di un'origine austriaca, ma proveniva dalla Romania

Cronaca
Bari giovedì 04 febbraio 2016
di La Redazione
Il carico di pellet sequestrato da Finanza e Dogana
Il carico di pellet sequestrato da Finanza e Dogana © n.c.

Ancora un sequestro di pellet. Dopo i sigilli alle 38 tonnellate di combustibile vegetale messo a segno giorni fa a Polignano, è toccato ad altre 23 tonnellate.

Più di 1.500 sacchi, del peso di 15 chili, sono stati sequestrati nell'area portuale dai Finanzieri del Gruppo Bari in collaborazione con i funzionari del Servizio antifrode della Dogana.

Il carico di pellet era trasportato da un autoarticolato, sbarcato dalla motonave Superfast proveniente dalla Grecia. La documentazione riferiva di un'origine austriaca, ma il pellet proveniva dalla Romania. Una falsa etichettatura che, secondo gli inquirenti, sarebbe stata mirata a indurre in errore il consumatore.

I rappresentanti legali della ditta e dell’importatore sono stati denunciati. L’autotrasportatore è stato segnalato per falsità ideologica in atto pubblico.
 

Lascia il tuo commento
commenti