Solidarietà

Avanza il popolo che non spreca

Raccolte alimentari itineranti dal 23 giugno al 14 luglio e iniziative di sensibilizzazione: è il progetto "Avanzi popolo". Il via lunedì a Parco 2 Giugno

Attualità
Bari domenica 22 giugno 2014
di La Redazione
Al via il 23 giugno la raccolta alimentare itinerante "Avanzi popolo"
Al via il 23 giugno la raccolta alimentare itinerante "Avanzi popolo" © n.c.

Mettere a disposizione dei bisognosi il cibo in eccedenza, evitando che finisca nei rifiuti insieme al miliardo di tonnellate di beni alimentari che, ogni anno, viene distrutto perché scaduto o non consumato. È questo uno degli obiettivi di Avanzi Popolo, progetto ideato dall’associazione Incontra insieme a un gruppo di soggetti che lavorano nel campo dell’innovazione sociale e della solidarietà.

Lo scopo del progetto (finanziato nell’ambito del bando regionale “Puglia Capitale Sociale) è quello di favorire il contatto tra luoghi dello spreco (famiglie, dettaglianti e ristoratori) e i luoghi del bisogno (con precedenza a indigenti e “nuovi poveri”), attingendo a due risorse ampiamente sottoutilizzate: il cibo non consumato e la disponibilità di tempo ed energie della comunità.

Tra le attività del progetto ci sono  le raccolte itineranti di beni alimentari da destinare alle famiglie bisognose segnalate dal Comune di Bari.

Lungo l'elenco: bevande, biscotti, merendine e dolciumi, carne, latte e yogurt, olio, pasta  e riso, pesce, prodotti  per l'infanzia, salumi e formaggi, scatolame (pelati, legumi, condimenti per insalate, carne in scatola, tonno), zucchero  e farina, frutta e verdura.

Il furgone di Avanzi Popolo girerà per le strade della città a partire dal 23 giugno (dalle 28 alle 20 nel parco 2 Giugno) con un calendario fitto di raccolte che proseguirà per tutto il mese di luglio. L'elenco delle tappe sul sito web dell'iniziativa.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare la comunità barese e di attivarla intorno alla condivisione del cibo, offrendo così una risposta alla povertà crescente. Infatti studi recenti hanno messo in evidenza come il 21% delle famiglie pugliesi vive in regime di povertà e aumenta esponenzialmente il numero di persone (soprattutto casalinghe e anziani) costrette a rivolgersi ai centri d’assistenza Caritas: 80.000 contatti nell’ultimo anno, con la distribuzione di 75 milioni di chili di generi alimentari di prima necessità.

Oltre alle raccolte, nel corso dell’anno sono in programma organizzati momenti di confronto e sensibilizzazione sul tema della lotta allo spreco. Sul sito web Avanzipopolo.it verranno pubblicate analisi, risultati, esperienze attinte anche da contesti europei. E nel prossimo futuro verrà impiantata l’opzione del foodsharing, ossia la possibilità di scambiare, in modo gratuito, prodotti alimentari con altri utenti in rete.

Chiunque può offrirsi come volontario del progetto, inviando una mail al progetto, o recandosi al gazebo delle raccolte.
 

Lascia il tuo commento
commenti