Scontro sulla nuova tassa dei rifiuti e servizi

TARES, la denuncia del M5S Bari contro l’amministrazione Emiliano

Vincenzo Madetti (M5S): “Dimenticato il principio di premialità per i cittadini che riciclano.”

Attualità
Bari martedì 08 ottobre 2013
di Fabio Leli
Tares
Tares © n.c.

Anche il MoVimento 5 Stelle Bari colpisce la Giunta Emiliano sulla nuova tassa sui rifiuti e servizi TARES e, questa volta, lo fa attraverso le parole dell’attivista Vincenzo Madetti che agli amministratori baresi da il titolo di “incompetenti”.

Secondo il cinquestelle, poiché Bari ha una raccolta differenziata al 25%, la TARES approvata lo scorso 3 ottobre dal Consiglio comunale non prevedrà alcun principio di premialità per i comportamenti corretti e per una migliore gestione dei rifiuti, anzi il conteggio finale della tassa potrebbe comportare aumenti fino al 35% in più rispetto alla TARSU colpendo pesantemente sia i proprietari di esercizi commerciali che gli abitanti di case private creando, di conseguenza, ulteriori danni ad un’economia già depressa: “Come Movimento 5 Stelle Bari – dichiara – riteniamo che ancora una volta l'amministrazione comunale abbia perso un'altra occasione per avere un differente approccio in riferimento alla gestione cittadina dei rifiuti al fine di generare un risparmio per le casse comunali dando l’opportunità  ai cittadini di risparmiare pagando soltanto in base alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti grazie alla raccolta differenziata porta a porta a tariffazione puntuale (cioè più ricicli e meno paghi), con risultati importanti sulla prevenzione, sull’avvio a riciclaggio e sulla riduzione delle quantità di rifiuti avviate a smaltimento.”

Infatti, con la raccolta differenziata porta a porta non si paga più l'indifferenziato che viene conferito in discarica, ma si guadagna dalla vendita dei materiali ai consorzi: “In tal modo – conclude – si abbattono i costi di spazzamento perché si eliminano i cassonetti dalle strade ed infine si azzera completamente la quota di ecotassa.”

Lascia il tuo commento
commenti