A Giovinazzo tornano le "Notti magiche"

Giovinazzo
dal 22 luglio 2019 al 25 luglio 2019 alle ore 20:00

Dal 22 al 25 luglio nell'oratorio Giovanni Paolo II musica, sport, gastronomia e tanto divertimento nell'evento di Nuova Giovinazzo

Indirizzo Oratorio Giovanni Paolo II

A Giovinazzo tornano le "Notti magiche"
Nc © Nc

Sport, musica, gastronomia e tanto divertimento. È questo il programma di "Notti magiche", l'evento organizzato dall'associazione "Nuova Giovinazzo" in programma da lunedì 22 luglio a giovedì 25 a partire dalle 20 nell'oratorio Giovanni Paolo II adiacente all'Istituto Vittorio Emanuele II (con accesso da via Principe Amedeo).

«Ve le ricordate le notti magiche - scrivono gli organizzatori in una nota -? Gli occhi spiritati di Totò Schillaci, Gianna Nannini ed Edoardo Bennato e la parola crisi di cui non sapevamo l’esistenza? Sono trascorsi quasi trent’anni da quei giorni e vorremmo riportarli sotto gli occhi di tutti. Quattro giorni per tornare a sognare, quattro giorni per tornare a condividere il nostro prezioso tempo con le persone a noi più care o anche con chi abbiamo visto solo una volta al bar mentre sorseggiava del caffè, lasciando in tasca per qualche ora quegli smartphone che scandiscono i secondi delle nostre vite. Le notti magiche giovinazzesi richiameranno l’interesse di tutta la comunità e andranno di scena in luogo storico di Giovinazzo».

IL PROGRAMMA Ricco di attività il programma messo a punto dagli organizzatori: torneo di calcio a 5 per i ragazzi compresi nella fascia d’età dai 18 a 22 anni, un contest musicale a cui parteciperanno 12 band (presentate sulla pagina Facebook dell'associazione) e un parco giochi per i più piccini. Non mancheranno punti ristoro, in cui sarà possibile degustare focaccia calda con mortadella e tanto altro. «Il nostro desiderio - concludono gli organizzatori - è coinvolgere tutta la cittadinanza e la scelta significativa del luogo è un richiamo a tutta la comunità di Giovinazzo. Torneremo a quelle serate in cui bastava solo un pallone, un po’ di musica e uno stozzo di focaccia per sentirsi felici».