I borbone

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

La città
a cura di Ilaria Trabace
profiloSez
La corona di Napoli passò da Carlo VI d’Austria a Carlo III di Borbone il 2 maggio 1738. Carlo III fu un sovrano illuminato e dotò Bari di parecchie opere pubbliche. Ordinò i restauri delle mura e del porto (attestati da due lapidi all’ingresso del fortino di S. Antonio Abate). Assegnò anche un cospicuo aiuto finanziario per il restauro della basilica di S. Nicola; combattè i pirati e avviò floridi rapporti commerciali con i paesi esteri.

Nel 1759 Carlo III assunse la corona spagnola lasciata dal fratello Ferdinando VI morto senza prole. Il Regno delle Due Sicilie toccò allora al figlio ancora giovanissimo Ferdinando IV, che fu posto sotto la tutela di un consiglio di reggenza presieduto dal ministro Bernardo Tanucci.

Nel 1789 i sindaci Carlo Tanzi e Michelangelo Signorile proposero di espandere l’abitato al di là delle antiche mura medievali. Il re Ferdinando IV concesse subito l’autorizzazione e approvò il paino presentato dagli ingegneri Giovanni Palenzia e Francesco Viti. Tuttavia sarebbe dovuto passare circa un ventennio perché il progetto fosse attuato.

In quegli anni la città era dilaniata da continui contrasti tra la nobiltà e il clero ricchi di privilegi e la borghesia attiva e intraprendente, ma priva di prerogative. Nel 1798 il popolo minuto ottenne la partecipazione attiva all’amministrazione cittadina, dalla quale fino ad allora era rimasto escluso.

Nel 1806 Napoleone dichiarò decaduti i Borbone e pose sul trono il fratello Giuseppe, mentre la famiglia reale borbonica si rifugiava in Sicilia. Due anni dopo Giuseppe lasciò il trono al cognato Gioacchino Murat. Fu lui a dare il via all’espansione della città oltre le mura: pose di sua mano la prima pietra del nuovo borgo, che da lui prese il nome, al punto d’incontro degli attuali corsi Cavour e Vittorio Emanuele.

Il periodo dei sovrani borbonici fu molto prospero per Bari. Il numero degli abitanti crebbe da 18.000 a 34.663 e il nuovo borgo fu abbellito da palazzi signorili e giardini. Le mura furono abbattute, mentre davanti alla porta del Ferrarese furono costruiti il mercato del pesce e quello delle derrate alimentari. Furono realizzate grandiose opere pubbliche sulla base di un primitivo piano regolatore: il teatro Piccinni, la chiesa di S. Ferdinando, il palazzo dell’intendenza (attuale palazzo della prefettura).

Ferdinando II morì nel 1859 e gli successe il figlio Francesco II, che regnò fino all’Unità nazionale.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bari

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno