- La nettate de la chiazze

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di Gerardo Strippoli

Nue quaratine sime sembre speciale,
inde a nudde ne fatte u facime eccezionale,
a fà feste e festine
tutte quande cerveddine.
U calendarie u studiame all'ammerse e alla rette,
pe d'acchià na scuse, pe scie a fà ne scambulette.
Specialmente pò quanne s'avvecine Natale,
accumenzame a festeggià tre die prime: è normale.
Tenime appunde na tradizione mondiale,
tande ca nesciune paise la tene uguale.
La vescilie e la die de Natale, se stè pe le famegghiare?
Nue u vendetrè stame pe l'amisce: iè giuste ce ve ne pare?
Dalla sere alle otte otte n'acchiame e facime totte na trate,
nesciune n'ava desterbà, c'ama fà la nettate.
Settemiezze, pokèr, becche e becche, baccarà,
tutte le sciuche du munne finghe alla matina doppe ama fà.
Chera die inde a re casere arrive u scummugghie,
ce se ne scappe da dò, ce se ne fusce da dà,
pure le pudece volne u assuegghie.
Tande ca ce tenime assè a cusse sfasce,
ca te siende disce ca volne fà la nettate,
pure chire c'angòre auna nasce.
"Papà, comprami focaccia e panettone, chè stasera sono impegnata,
a casa della mia amica tutti quanti facciamo la nottata".
Ma sì sciatavinne, anze sciamaninne, megghiè affierre tutte, se parte;
pegghie u calzàune, u panettone, u spumande, oh... me raccomande
nan te scurdà re carte.
Acchessì passame sette otte ore ch'è na bellezze,
ne picche mene però, ce re carte ca trasene sonde na schefezze.
Alle quatte e mezze però alzame mane,
ma l'orarie de scie a retrà è angore lundane.
Stame ne picche tutte asseranate,
parime criuse pe re d'occhiere accepeddate.
Desce menute pe fà u cafè e ne belle cornette
e pò accarrere ca stè nu alte fatte ca n'aspette.
Qualche d'une è ditte ca nan zime normale, forse ne picche pazze,
ce ne 'nderesse: nan'è feste ce nan sciame a vedeie la chiazze.
Do stradone facime alluenghe alluenghe via S. Benedette,
l'arve, re lusce, le presepie so belle, fascene effette.
Sonde le cinghe, ma pare mezzadie, pe quanda gende,
mezze alla chiazze stè,
se sende l'arie de la feste a ognie pizze ca vè.
Tande, faciteve ne cungierte,
ca staune già le neguezie apierte.
U chiazziere nu arve de fenucchie av'apparecchiate,
(pe fà re lambadine
è puoste le manderine),
u pesciaiule u capetone e r'anguille vive è preparate,
u carnaiule mocche a ne puerche è puoste na lambadine
e u fernare de pane è fatte Gesù Bambine.
Stè picche da fà iè proprie festa granne
e u Comune è puoste pure u jazz-banne.
Le sette sonde, è fatte die, la lusce de Criste av'arrevate,
sciamene a retrà, Buon Natale a tutte, è specciate la nettate.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bari

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno