Fortino di S. Antonio Abate

Chiese, strade e piazze storiche, monumenti, palazzi ed edifici storici, insediamenti rupestri.

a cura di Anna Selvarolo
vistaSez

I dati storici relativi alla costruzione del monumento, eretto a scopo difensivo, non sono tramandati con esattezza; tuttavia alcune fonti lo citano a partire dal XIV secolo. Distrutto dai baresi nel 1463, fu ricostruito nel XVI secolo per volere di Isabella d’Aragona.

L’ingresso della fortezza è fiancheggiato da due nicchie, in cui sono racchiuse altrettante lapidi che attestano lavori di riparazione fatti eseguire da Carlo III di Borbone.

Sotto l’androne si trova una cappelletta in cui è conservata una bellissima e antica statua lignea del santo trasferita, secondo la tradizione, da una chiesetta posta sulla vicina isoletta di Monte Rosso, sprofondata del tutto circa mezzo secolo fa.

La cappella è visitabile in occasione della festa del santo, il 17 gennaio; essa viene aperta per celebrare una cerimonia religiosa e benedire gli animali, di cui è considerato protettore. Oltre alla statua risulta interessante anche un quadro, di ignoto autore, raffigurante S. Antonio Abate.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bari

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno