- “La bonasère a frateme”

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

C’era una volta un uomo che non era stato invitato dal fratello a “‘n festine” (pranzo di festa). Non voleva perdere quel pranzo, poiché era una occasione per mangiare qualcosa di buono, perciò ecco cosa fece: si mise una forchetta in tasca e fece finta di passare casualmente davanti alla casa del fratello. Bussò e disse: “so’ passate da dò e so’ ditte famme scì a dà la bonasera a fratème, ma ce state a mangià, mo me ne voche” (sono passato da qua vicino e ho detto: vado a salutare mio fratello, però se state mangiando, me ne vado).

Il fratello uscì e gli disse: “trase, trase, viene a mangià pe nu, assidete, Marì dalle na fercine” (entra, entra, vieni a mangiare con noi, siediti, Maria dagli una forchetta). “Nàune, non abbesogne, respennì, la fercine la tenghe inde alla sacchètte” (no, non serve, rispose, la forchetta la tengo nella tasca) e si mise a mangiare.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bari

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno