Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

A cci crète, DDì prevète.


A chi crede, Dio provvede.

La fatiche de la fèste trase da la porte e ièsse da la fenèste.


L’utile del lavoro eseguito nei giorni festivi è effimero e non benedetto da Dio: bisogna santificare le feste.

DDì pache de tutte tìimbe.


Dio punisce in qualunque momento.

Come DDì te la manne, te l’à da tenè.


Quello che Dio ti manda, accettalo.

Acquànne Crist vole fasce la festa nove.


Cristo premia sempre i meritevoli.

Ci rite de venerdì chiànge de demèneche.


Chi ride di venerdì piange di domenica.

DDì vète e prevète.


Dio vede e provvede.

Tutte stame sott’o cìile.


Siamo tutti sotto il cielo (nessuno è esonerato da spiacevoli episodi).

DDì te scanze da le mazzate de le cecàte.


Dio ti protegga dalle botte degli orbi.

Mal’ècchie tù, bbuèn’ècchie de DDì.


Malocchio tuo, buon occhio di Dio.

DDì te scanze da na male vecìne e da nu prengepiànde de violìne.


Dio ti sollevi da una cattiva vicina e da un violinista principiante.

Criste na cose à ffatte ggiùste: la morte.


Cristo ha fatto giusta una cosa: la morte.

Passàte u sande, passàte la feste.


Passato il santo, passata la festa.

Ci vole Criste ca s’u prèche.


Chi vuole Cristo lo pregasse.

Pe SSande Vastiàne sale u monde e uàrde u piàne. Ce vite pìcche spire assà. Ce vite assà spire pìcche.


A San Sebastiano Sali sul monte e guarda la pianura. Se sono buone le previsioni sii pessimista, se son cattive sii ottimista.

Ci non vasce dessciùne de Natàle, o iè cciùcce o iè ccane.


Chi non fa il digiuno di Natale, o è asino o è cane.

La dì de Natàle, se mùtene pure le ferràre.


Per il giorno di Natale si cambiano d’abito anche i fabbri.

Disce Sande Vastiàne: “Fatìche cucce ca mange pane”.


Dice San Sebastiano: “Lavora con diligenza e mangerai pane”.

Sanda Catarìne nève a la spìne.


Santa Caterina, neve alla spina.

A Sanda Lecì nu passe de ggaddìne a la dì.


A Santa Lucia un passo di gallina al giorno.

A “TTutte le Sande” mìtttete le uànde.


A “Tutti i Santi” mettete i guanti.

A l’amìsce e chembbàre se parle chiàre.


Ad amici e compari si parla chiaro.

Pe canòssce u-amìche riàle t’à da mangià nu tùmele de sale.


Per conoscere l’ amico vero devi mangiare un tomolo di sale.

De ci te fìte, t’àcchie ngannàte.


Da colui in cui riponi la tua fiducia, sarai ingannato.

Ci tratte se mbbratte.


Chi tratta (frequenta) s’imbratta.

La mala chembaggnì ammine u uòmmene a la forche.


La cattiva compagnia porta l’uomo alla forca.

CChiù pìcche sìme cchiù belle parìme.


Di meno siamo, migliori appariamo.

Ad amìsce e parìinde non ze mbbrèste nìinde.


Ad amici e parenti non si presta nulla.

Fattìlle che cchìdde mègghie de tè e frange le spèse.


Frequenta persone migliori di te, anche se dovesse comportare sacrifici.

Le male amìsce portene a le male strate.


I cattivi amici conducono a cattive strade.

La liòna torte uàste u sarcenìidde.


Il ramo storto guasta la fascina.

L’amìsce non zzò mmà sevìirchie.


Gli amici non sono mai troppi.

U-amìche e cchembbàre o besèggne pare.


L’amico e il compare si vedono nel momento del bisogno.

Non ze decènne o u-amìcche cchèdde ca sà na dì o l’alde nemiche u puète avè.


Non confidare all’amico i tuoi segreti, un giorno o l’altro potresti averlo come nemico.

U San GGiuànne non ze nèche a nessciùne.


Il San Giovanni (companatico) non si nega a nessuno.

La mala chembaggnì porte u uòmmene a la mala vì.


La cattiva compagnia porta l’uomo sulla cattiva strada.

Fra amìssce e parìinde non accattànne e non vennènne nìinde.


Da amici e parenti non comprare niente non vendere niente.

Nesscìuna carne arremmànne a la vecciarì.


Nessuna carne resta invenduta in macelleria.

Fèmmene o ggaddìne se pèrde acquànne camìne.


Donna o gallina si perdono quando camminano.

Fèmmena corte, malandrina totte.


Donna bassa, malandrina tutta.

Aldèzze, mènza bellèzze.


Altezza, mezza bellezza.

La bellèzza iè mmènza dote.


La bellezza è mezza dote.

La brutte la uàrdene tutte.


La brutta la guardano tutti.

Ce te la pìgghie troppe bbèlle nggi-à da fa la sendenèlle.


Se te la pigli troppo bella devi farle la sentinella.

Pìzzeche e vvase non fàscene pertùse.


Pizzicotti e baci non fanno buchi.

La fèmmena cattive chiànge u muèrte e ppènze o vive.


La donna cattiva piange il morto e pensa al vivo.

Ci tène pavùre non ze còrche che le fammene bbèlle.


Chi ha paura non va a letto con le belle donne.

Quànne iàcchie u male marte, fave credìve e liòne de fìche.


Quando trovi il cattivo marito, fave dure e legna di fichi.

Maretàte e mmule lassàdele sule.


Gli sposati e i muli lasciateli soli.

Ci se nzore va all’acque.


Chi si sposa va all’acqua… e non al vino.

Iòmmene nzeràte, mìinze nguaiàte.


L’uomo sposato, mezzo inguaiato.

Iè mmègghie u marìte poverìidde e non u chembbàre rìcche.


Meglio marito povero che amante ricco.

U bbuène marìte fasce la bbona megghière e la bbona megghière fasce u bbuène marìte.


Il buon marito fa la buona moglie e la buona moglie fa il buon marito.

Ci pìgghie megghière pìgghie uà.


Chi prende moglie si mette nei guai.

Fèmmene maritàte nè sròche nè canàte.


Donna sposata, nè suocera nè cognati.

La megghière iè mmìinze pane.


La moglie è mezzo pane.

Iacqua truve ngrassa cavàdde.


Acqua torbida ingrassa i cavalli.

Decève l’èlefande: “Oggne e ppìcche ggiòve”, e se gnettève na mòsque.


Diceva l’elefante: “Ogni poco giova”, e ingoiava una mosca.

A ddà u ppane o cane strànie, se perde cane e ppane.


Se si dà pane a un cane estraneo si perde cane e pane.

La gatte de Tatasìggne na vodlde chiàgne e na volde rìte.


La gatta di Tatasigne (nonno scimmia) una volta piange e una volta ride.

U ciùcce, ca nom mètte la cote pecenùnne, non la mètte cchiù.


L’asino, se non mette la coda da piccolo, non la mette più.

Cavàdde pe trottà, mule pe fadegà e cciùcce pe gastemà.


Cavalli per correre, muli per lavorare e asini per bestemmiare.

A cavàdde gastemàte nge lusce u pile.


A cavallo bestemmiato brilla il pelo.

N’ècchie a la gatte e u uàlde o pèssce.


Un occhio al gatto e l’altro al pesce.

Le veccìire: chìine de sanghe e ssènza nudde


I macellai: sporchi di sangue e senza soldi.

Ci se iàlze de matìne uadàggne le carrìne. Ci si iàlze a iùurne uadàggne le cùurne.


Chi si alza di primo mattino guadagna i carlini. Chi si alza a giorno fatto non guadagna nulla.

U mèste d’àssce fasce crusce e ammène abbàsce.


Il falegname manda giù i segni di croce che si fa.

Ci va n-gase de varvìire non àcchie lusce, nè cannelìire.


Chi va in casa di barbiere non ci sono luci nè candelieri.

U lasse e ppìgghie fasce quaquìgghie.


Il “lascia e prendi” crea pasticci.

Nessciùne nasce ambaràte.


Nessuno nasce istruito.

Ci camìne allècche, ci sète sècche.


Chi cammina lecca, chi siede secca.

L’arte a ll’arte, u lupe a le pèggre.


Il mestiere a chi lo sa fare e il lupo alle pecore.

Da sotte a nu bbuène maièstre ièsse nu bbuène descèpele.


Sotto la guida di un buon maestro nasce un buon discepolo.

Che la passcìenze se va m-baravìse.


Con la pazienza si va in paradiso.

U sacarpàre ticche e ttìcche sèmbe fatìche e mmà iè ricche.


Il calzolaio “ticche” e “ticche” sempre lavora e mai s’arricchisce.

A ttìmbe de necessetà oggn’e ccose iè bbone


In tempi di necessità ogni cosa è buona.

Ci sparte recchèzze, iàcchie povertà.


Chi spartisce ricchezze, trova povertà.

Robbe a credènze la pache na volde e mmènze.


Roba a credito la paghi una volta e mezzo.

Ci fasce a credènze, perde l’amìsce.


Chi “fa a credenza”, perde gli amici.

U mègghie affàre iè ccudde ca non ze fasce.


Il migliore affare è quello che non si fa.

L’arte iè ciardìne ce non accuègghie la sère, accuègghie la matìne.


L’arte è giardino, se non raccogli la sera raccogli la mattina.

Vedè fà, sapè fà.


Veder fare, saper fare.

A ttufe a ttufe se facì Rome.


Con un tufo dopo l’altro si costruì Roma.

Na porte s’achiùte e ccìinde se iàbbrene.


Una porta si chiude e cento se ne aprono.

Ci vole va, e ccì non vole manne.


Chi vuole va, e chi non vuole manda.

Amòre de mamme non de nganne.


Amore di mamma non ti inganna.

Ci te vole cchiù bbène de la mamme, de paròle te nganne.


Chi dice di volerti più bene della mamma, di parole t’inganna.

La mamme pe le fìgghie iè descaccìate cìinde mìgghie.


La mamma per i figli è scacciata cento miglia lontano.

La mamme fasce le fìgghie e la vecìne le marìte.


La mamma educa le figlie e la vicina le fa sposare.

Pòvere attàne ca crèssce u fìgghie.


Povero padre che alleva il figlio.

Quànne alde no nge stà che mmàmmete te culche.


Quando altri non c’è, con tua madre ti corichi.

Ramàgghie e ramagghiòle come sò le mamme sò le figliòle.


Ramaglie e ramagliole così come le mamme sono le figlie.

Fìgghie e nepùte chèdde ca fasce iè ttutte perdùte.


Non aspettarti riconoscenza per i sacrifici che fai per i tuoi figli.

Ièrme frate acquànne manggiàmme iìnd’o stèsse piàtte.


Eravamo fratelli quando mangiavamo nello stesso piatto.

Trè so bbèlle a vedè; quatte, spetàle fatte.


Tre figli son belli da vedere, quattro sono troppi.

Nate u prime u secònde sott’o chesscìne.


Nato il primo il secondo sotto il cuscino.

Oggne e maggnàttue pare bbèlle a la mamma sò.


Ogni scarafaggio è bello per la sua mamma.

Fìgghie, viggne e ciadìne uàrdele da le vecìne.


Figli, vigna e giardino, quardali dai vicini.

Quànne sò peccenìnne, so centròdde; quànne so ggranne sò cendrùne.


I figli piccoli sono chiodini, i figli adulti sono grossi chiodi.

Ci disse fìgghie disse uà.


Chi disse figli disse guai.

Dìmme a ccì si ffìgghie e te dìgghe a ccì assemìgghie.


Dimmi a chi sei figlio e ti dirò a chi somigli.

Figghie sule, mal’ambaràte.


Figlio solo, male educato

Fìgghie e malànne accòrcene l’anne.


Figli e malanni accorciano gli anni.

Mazze e panèlle fàscene le fìgghie bbèlle. Pane sènza mazze fasce le fìgghie pazze.


Mazza e pane fanno i figli belli. Pane senza mazza fa i figli pazzi.

U mmìire fasce candà.


Il vino mette allegria.

Ci nom bbòle fà nu mìgghie fasce nu megghiàre.


Chi non vuole fare un miglio farà poi un migliaio.

Pìgghie a credènze c’à pagà pò se pènze.


Prendi a credito, che a pagare poi si pensa.

Ce la matìne dùurme o ccalde, la menzadì mange fridde.


Se al mattino dormi al caldo, a mezzogiorno mangerai freddo.

Ci fusce assà pe la vì rèste.


Chi corre molto resta per la via.

Ci aspètte u piàtte do uàlde u sù s’u mange fridde.


Chi aspetta il piatto da altri il suo lo mangia freddo.

U munne iè de ci u sape pegghià.


Il mondo è di chi lo sa prendere.

Viàte a ccudde ca la ngarre quànne u ualde la sgarre.


Beato chi sa vedere dove l’altro è cieco.

Ci tène farìne trèmbe. E cci non ne tène se gratte la vènde.


Chi ha la farina impasta. E chi non ne ha si gratta la pancia.

Ci sape spènne non ze mbbènne.


Chi sa spendere non s’impicca.

Ci va de trutte arrìve rutte.


Chi va di trotto arriva rotto.

Ci cambe a mesùre cambe secùre.


Chi vive nel giusto, vive al sicuro.

Obbre de notte, sbruèggne de dì.


Faccende di notte, vergogna di giorno.

Ci va drìtte non fallìsce mà.


Chi va dritto non fallisce mai.

Ce bbèlle uè parè u uèsse pezzìdde t’av’a duè.


Se bello vuoi sembrare, l’osso sacro ti dovrà dolere.

La bbona ngùdene rombe u martìidde.


La buona incudine rompe il martello.

Mana gaddòse mana gloriòse.


Mano callosa mano gloriosa.

Appleche e ffà sapòne.


Applica e fai sapone.

Ci non fràbbeche e non marìte nudde sape de la vìte.


Chi non fabbrica e non marita nulla sa della vita.

La pute de scennàre arrecchèsce u vettàre.


La potatura di gennaio arricchisce il bottaio.

La zappe de scennàre ièggne u panàre.


La zappatura di gennaio riempie il paniere.

La Nenzziàte, o gràvete o fegghiàte.


All’ Annunziata, o gravida o partoriente.

U uàrrue s’addrìzze acquànne iè repùdde.


L’albero si raddrizza quando è alberello.

Febbràre assùtte, ièrve pe tutte.


Febbraio asciutto, erba per tutti.

Sìimene prematì e llass’a fà a DDì.


Semina anticipatamente e lascia fare a Dio.

A le Samde oggn’e zzippe chiànde.


Gli alberi si piantano a novembre.

Ci sèmene le fave sènza grasse, a la raccòlde se stusce u musse.


Chi semina le fave senza letame non dà buon raccolto.

Iàcque prematì allàrghe l’ànema mì.


L’acqua appena prematura è ottima.

Ci uè ca vène bbona la semènde, Natale lucènde e PPàsque scurènde.


Se vuoi ottimi risultati semina a Natale assolato e a Pasqua piovosa.

Le terrìse vonne n-galère.


Il denaro fa andare in galera.

Che le terrìse tunne tunne m-bàcce o nase a ttutte u munne.


Chi ha denaro se ne infischia di tutti.

Le terrìse du mbimbirimbì, se ne vonne cu mbimbirimbà.


Il denaro del “mbimbirimbì” se ne va col “mbimbiribà”. Il denaro di losca porvenienza si volatilizza subito.

Oggne e ddèbete se pache, òggne e peccàte se chiànge.


Ogni debito si paga, ogni peccato si piange.

Cìinde dequàte d’abbìle no llèvane nu carrìne de dèbbete.


Cento ducati di bile non tolgono un carlino di debito.

Dèbbete levàte dògghia passàte.


Debito pagato, doglia passata.

Acquànne s’av’a pagà, tanne chiòve la case.


Quando si deve pagare piove in casa.

La ruzze se mange u fìirre.


La ruggine corrode il ferro.

Do male pagatòre acciàffe chèdda ca puète.


Dal cattivo pagatore prendi quello che ti dà.

Le cheppùne donne u preddìte a la cape.


I debiti danno prurito alla testa.

U diàue la fasce, u diàue la scovre.


Il diavolo la fa, il diavolo la scopre.

Mègghie gestìzzie de DDì e non gestìzzie du munne.


Meglio giustizia di Dio che giustizia terrena.

Ci sckùte n-ggìle, m-bbacce ngè vène.


Chi sputa in cielo, in faccia gli viene.

Robbe de mala fète non arrìve o tèrz’arète. Robbe fatta a ffurte dure tìimbe curte. Robbe non fadegàte pìcche e nnudde vène.


I beni di dubbia provenienza non arrivano al terzo erede; la ricchezza accumulata con i furti dura poco tempo; quella non costruita col lavoro, poco o nulla viene curata.

Ci zzappe va all’àcque e ccì no zzappe va o mmìire.


Chi zappa va all’acqua e chi non zappa va al vino.

Giacchìne, ìidde mettì la lègge e ìidde merì apprìime.


Gioacchino, egli emise la legge ed egli morì per primo.

Iùne sule fu ggìuste e fu mise n-gròsce.


Uno solo fu giusto e fu messo in croce.

La morte non acchiamènde m-bbacce a nessciùne.


La morte non guarda in faccia nessuno.

Se sape addò se nasce e non ze sape addò se more.


Si sa dove si nasce e non si sa dove si muore

Ci sa pìgghie pène sùbbete more.


Chi si affligge subito muore.

A cchiànge stu muèrte so làgrème pèrse.


A piangere questo morto son lacrime perse.

Du muèrte se parle trè ddì.


Del morto si parla tre giorni.

Morte e fegghiànne non ze sape quànne.


Il morire e il partorire non si sa quando avvengono.

U muèrte iè mmuèrte, penzzàme a le vive.


Il morto è morto, ora pensiamo ai vivi.

Sop’o muèrte se cande la glòrie.


Sul morto si cantano le lodi.

Ci camìne de notte, camìne che la morte.


Chi cammina di notte, cammina con la morte

Lasse la morènde e ffusce a la partoriènde.


Lascia la morente e corri dalla partoriente.

La morte uàste e aggiùste.


La morte guasta e aggiusta.

U malandrìne more apprìme.


Il malandrino muore prima.

Mègghie ferìte ca muèrte.


Meglio ferito che morto.

Morte pregàte, sorde se fènge.


La morte pregata, sorda si finge.

La morte sta cchiù p’u uaggnìlle ca pe le pèggre.


La morte è più probabile per l’agnello che per la pecora.

Iùne ca cambe e u ualde ca no mmore.


Uno che campa e l’altro che non muore.

Trè ddì male e bbène, la quàrta dì passa la pène.


Tre giorni di male e bene al quarto passa la pena.

Ci morte d’alde apètte, la sò iè vecìne…


Chi morte altrui aspetta, la sua è vicina…

Ci disce ca vole merì, non vole stènne le pìite.


Chi dice di voler morire non vuole stendere i piedi.

Luna drètte, marenàre n-ghevèrte.


Luna dritta, marinaio in coperta.

U uàrche: o vìinde o iàcque.


L’arcobaleno: o vento o acqua.

Marze, marzzòne, oggne e ppèsce ièsse da sotte o chiangòne.


Marzo, marzone, ogni pesce esce dal suo abitacolo.

Marze, marzzòne, oggne e ppèsce iè ggrèsse quànde a nu chiangòne.


A marzo i pesci son grassi e ben sviluppati.

U pèssce pecenùnne farnèsce m-mocche o ttunne.


Il pesce piccolo finisce in bocca al tonno.

U pèssce grèsse se mange u ppèsce pecenùnne.


Il pesce grosso mangia il piccolo.

Tande ricche marnàre, tande povre pescatùre.


Tanti ricchi marinai, tanti poveri pescatori.

Dì bbène du mare; ma statte n-dèrre.


Di bene del mare; ma resta a terra.

Disce Breggenèdde: “pe mmare no nge stonne tavèrne”.


Dice Pulcinella: “ per mare non ci sono taverne”.

Mègghie pòvere marnàre, ca ricche galiòte.


Meglio poveri marinai che ricchi galeotti.

U marnàre tène u core amàre.


Il marinaio ha il cuore amaro.

Masce, adàsce.


Maggio, adagio (con l’alleggerirsi il vestiario).

Masce, fa come te piàsce.


Maggio, fa come ti piace.

Masce, addò te culche iàcchie u uàsce.


Maggio, dove ti corichi trovi il posto adatto.

Agùste, le màneche o bbuste.


Agosto, le maniche al busto. (Cautelarsi con il coprirsi le braccia).

Settèmbre, aggiùste le strazze p’u vìirne.


Settembre, prepara gli indumenti invernali.

Settèmbre, ottòbre e novèmbre, va fòre e mmange sèmbe.


Settembre, ottobre e novembre, vai in campagna e mangi sempre.

Gobbe a levànde luna mangànde.


Gobba a levante, luna mancante.

Natàle da nande non dande e non guànde. Natàle da drète trèmene le pète.


Il freddo, prima di Natale, non è rigido come dopo.

Nègghie e negghiàte tìimbe apparecchiàte.


Nebbia o nebbione, tempo apparecchiato

Ce chiòve la dì de Sand’Anne av’a chiòve nu mèse du uànne.


Se pioverà il giorno di Sant’Anna, pioverà per un mese.

Non de fedà nè a ssole de vìirne nè a nnùvie de state.


Non ti fidare nè del sole d’inverno, nè delle nuvole d’estate.

La tramendàne o na dì o na semàne.


La tramontana dura un giorno o una settimana.

Levànde e levandìne o na dì o na quinnecìne.


Levante o levantino, o un giorno o una quindicina.

Quànne tire u sceròcche, le nùvie stonne drète a le pòrte.


Quando spira lo scirocco, le nuvole stanno dietro le porte.

Cìile pegherìne ce non ghiòve la sère chiòve la matìne.


Cielo a pecorelle: se non piove la sera, pioverà il mattino.

A ffine marze le pèggre lasse u iàzze.


A fine marzo la pecora lascia l’ovile.

Gobbe a penènde luna crescènde.


Gobba a ponente, luna crescente.

Luna settembbrìne sètte mise se strascìne.


Luna settembrina sette mesi si trascina.

O squagghià de la nève ièssene le stru…


Allo sciogliersi della neve affiorano i “rifiuti”.

Acqua forte trapàne u cappòtte, acqua fine trapàne le rìine.


L’acqua forte olrepassa il cappotto, l’acqua fine arriva sui reni.

L’àcqua ca non à ffatte n-ggìle stà.


L’acqua non ancora caduta sta in cielo.

A la Cannelòre o nèveche o cchiòve, u vìirne iè ffore.


Alla Candelora, o nevica o piove, l’inverno è fuori.

Tìimbe bbiànghe, fusce nnande.


Tempo bianco, corri avanti.

La rasciòne se dà a le fìisse.


La ragione si dà ai fessi.

Ci tène u còmete e non ze ne sèrve va o vosche e se mange l’èrve.


Chi ha i mezzi e non se ne serve va al bosco e mangia l’erba).

U matte fasce la fèste e u dritte se la gote.


Il fatuo paga le spese dei festivi e lo scaltro se li gode.

Trè sò le bbuène: Minghe, Cole e CChèle.


Tre sono gli sciocchi: Michele, Nicola e Michele.

Le funge rròcchie e le fìisse a ccòcchie.


I funghi alla rocca e i babbei o coppia.

Le mazzàte sò sèmbe o cane mazze.


Le botte sono sempre al cane magro.

U besciàrde av’a tenè bbona memòrie.


Il bugiardo deve tenere buona memoria.

Ci camìne zupparìidde, cambe buènarìidde; ci camìne zupparòne, cambe buènaròne.


Chi cammina “zoppicantino” vive “buonarino”; chi cammina “zoppicantone” vive “buonarone”.

Ci fatìche mange; ci non fatìche mange e bbève.


Chi lavora mangia; chi non lavora mangia e beve.

Ci va che la bbona fète facce de paravìse non ne vète.


Chi agisce in buona fede viene buggerato.

U mìideche stùdie e u malàte more.


Il medico studia e il malato muore.

Addò stonne assà gardèddre non fasce ma dì.


Dove ci sono molti galli non fa mai giorno.

A ccasa strètte fìcchete nnanze.


Se ti trovi in casa affollata, entraci.

Vìzzie de natùre finghe a la morte adure.


I vizi di natura durano fino alla morte.

Ciànne angòre avèva nasce e la mamme u scève nzerànne.


Gianni non era ancora nato e la mamma già cercava di ammogliarlo.

“Ce bbèdda scernàte iè iòsce; ma nessciùne se mbbènne”, disce la megghière du bbò.


“Che bella giornata è oggi, ma nessuno si impicca”, dice la moglie del boia.

Fàccia vèrde e ssènza chelòre, nemìche de DDì e tradetòre.


Faccia verde e senza colorito, nemico di Dio e traditore.

La carna triste non la volze manghe Criste.


La carne “triste” non la vuole neanche Cristo.

Ce lìammìndie iève tìggne tutte u munne iève teggnùse.


Se l’invidia fosse tigna tutto il mondo sarebbe tignoso.

Ci chemmànne fasce lègge.


Chi comanda fa legge.

Ci mostre gote, ci vète crèpe.


Chi mostra gode, chi vede crepa.

Oggne e ccose iè bbone a sapè.


E’ bene tenersi informati su tutto.

L’àcque fasce le ranòggnue n-guèrpe.


L’acqua fa i ranocchi in corpo.

Monde che mmonde no ze combbrònde.


Monte con monte non si incontrano

U munne acchessì vvà, sciale e ffà scialà.


Il mondo così va, vivi e lasci vivere.

Ecchie ca non vète e ccore ca non desìdere.


Se l’occhio non vede il cuore non desidera.

Ci tène nase tène criànze.


Chi ha naso ha creanza.

U sine t’attàcche, u none te stacche.


Il sì ti attacca, il no ti stacca.

U salùte iè da crestiàne, non repònne iè da vellàne.


Salutare è da educato, non rispondere è da villano.

Ci troppe se fite rèste ngannàte.


Chi si fida troppo resta ingannato.

La troppe chemmedènze fasce la mala criànze.


La troppa confidenza fa la cattiva creanza.

Le cose a ffòrze non vàlene na scorze.


Le cose forzate non valgono una scorza.

U lènghe iè bbuène a ccògghie fiche, e u curte pe marìte.


L’uomo alto è buono per cogliere fichi, il basso è buono come marito.

Iòmmene pelùse iòmmene ferzzùse


Uomo peloso uomo forte.

Nessciùne zzèppe iè dritte.


Nessuno zoppo è dritto. (Chi ha difetto fisico ha difetti nell’animo).

U uòmmene non è mmà chendènde.


L’uomo non è mai contento.

U cemmerùte e ggamme settìle, non iè iòmmene pe ffà le file.


Il gobbo con gambe sottili non è uomo idoneo per fare figli.

O uòmmene sènza varve e a ffèmmene senza fìgghie, non zi scènne nè pe piacère nè pe chenzzìgglie.


A giovani inesperti e donne senza figli non andare a chiedere consigli: non hanno esperienza.

Le dìscete de la mane non zzò ttutte euàle.


Le dita della mano non sono tutte uguali.

Arrèvate a la quarandìne lasse la fèmmene e ppìgghie la candìne.


Arrivato ai quarant’anni lascia la compagnia delle donne e frequenta quella degli amici.

Oggnùne tire l’àcquè a la vìa sò.


Ognuno tira l’acqua al suo mulino.

U uòmmene da la tèrre vène a la tèrre se ne và.


L’uomo dalla terra viene e alla terra va.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bari

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno