Dopo il fallimento

Nuovo Bari, il 31 luglio il termine ultimo per le manifestazioni di interesse

Entro i primi di agosto la scelta. Si riaffaccia Radrizzani

Calcio
Bari mercoledì 25 luglio 2018
di Nicola Palmiotto
Lo stadio San Nicola
Lo stadio San Nicola © n.c.

Scadrà alle 12 di martedì 31 luglio il termine fissato dal Comune di Bari per la presentazione delle manifestazioni di interesse per l’iscrizione della squadra di calcio della città di Bari al campionato di serie D 2018/2019. Come anticipato nei giorni scorsi, il sindaco Decaro ha reso noto le procedure e le tempistiche richieste dalla Figc per la ripartenza del calcio nel capoluogo di regione.

In ossequio ai criteri della trasparenza, più volte invocati dal sindaco, le società interessate dovranno rendere noti i dati atti ad identificare il richiedente (ragione sociale e forma giuridica, sede della società, rappresentante legale e soggetti muniti di potere di rappresentanza, iscrizione al registro delle società sportive del Coni). Inoltre alla manifestazione di interesse dovrà essere allegata la dichiarazione di impegno al versamento del contributo, pari a 150mila euro alla Figc, in caso di selezione; un progetto sportivo che indichi con chiarezza le modalità di investimento e promozione del calcio giovanile e l’attenzione per quello femminile, le modalità di gestione degli impianti sportivi comunali dedicati al calcio, ogni altra ulteriore informazione ritenuta utile ai fini della valutazione della solidità finanziaria e della comprovata esperienza nel campo sportivo.

La scadenza ultima è quella di lunedì 6 agosto, termine entro il quale la nuova compagine societaria scelta dal sindaco dovrà presentare la richiesta di ammissione al campionato di serie D. Nel frattempo si vanno delineando le posizioni dei vari contendenti al termine dei colloqui che hanno visto protagonista in questi ultimi giorni lo stesso Decaro. Sembra si sia riaffacciata la candidatura Napoli-Radrizzani, che pareva essersi un po’ defilata. In campo restano però anche il tarantino Luigi Blasi, il gruppo lombardo rappresentato dall’avvocato Fulvio Monachesi e la cordata dei 20 imprenditori baresi.

Lascia il tuo commento
commenti