Serie B

Il Bari riacciuffa il Palermo nel finale

Nené all’89’ pareggia il gol di La Gumina. I biancorossi finiscono in nove uomini

Calcio
Bari lunedì 30 aprile 2018
di Nicola Palmiotto
Palermo-Bari 1-1
Palermo-Bari 1-1 © Fc Bari 1908

Succede tutto nel finale. Al 35’ La Gumina porta in vantaggio il Palermo e nove minuti dopo Nené pareggia. Finisce 1-1 la sfida tra Bari e Palermo, una gara bloccata per quasi 80’ ma che si è accesa nel finale, compresa la doppia espulsione di Marrone e Henderson. Partita senza fronzoli e di grande sacrificio quella degli uomini di Grosso, che hanno avuto il merito di rimettere in piedi, quando erano in inferiorità numerica, una sfida che ormai sembrava persa. Un segnale del carattere della squadra, come ha sottolineato a fine partita Grosso, che non può che essere di buon auspicio in vista dei playoff.

Nené all’ultimo respiro
Grosso vara un insolito 3-5-2 con Empereur, Marrone e Gyomber centrali. Sulle fasce operano Anderson e Balkovec, in mezzo al campo invece ci sono Tello, Basha e Henderson. Davanti fiducia a Nené e Cissé.

Il centrocampo folto di uomini scelto da Grosso ha l’effetto di imbrigliare la manovra del Palermo. Ne viene fuori una partita sostanzialmente bloccata. Una situazione di stallo acuita dal fatto che entrambe le squadre sentono l’importanza della posta in palio. Intorno alla mezz’ora prova ad accendersi Coronado, che serve Rispoli sulla destra, ma sul cross del terzino La Gumina arriva in ritardo. Al 38’ primo squillo del Bari con un destro di Nené, che finisce di poco distante dalla porta difesa da Pomini. Proteste nel finale del Palermo per un presunto fallo subìto in area di rigore da Rolando.

La musica non cambia nemmeno ad inizio ripresa. Grosso prova a sparigliare le carte al 15’ richiamando Empereur per Galano, ritornando così al 4-3-3. Poco dopo il tecnico del Bari ridisegna il tridente con l’ingresso di Floro Flores al posto di Cissé. Nel frattempo però è il Palermo al 22’ a sfiorare il vantaggio, con un colpo di testa di Moreo, subentrato 4’ prima a Gnahore, che però schiaccia alto sulla traversa da buona posizione. Il Palermo aumenta la pressione a al 35’ passa in vantaggio: sponda di testa di Moreo per La Gumina che anticipa Marrone e spedisce la palla in fondo al sacco. Al 40’ il Bari resta in dieci uomini per l’espulsione per doppia ammonizione di Marrone. Quando tutto sembra ormai perso, Floro Flores svetta di testa su un pallone vagante servendo il migliore degli assist a Nené, che in spaccata fulmina Pomini. Nel recupero i biancorossi restano in nove per l’espulsione diretta di Henderson che scalcia Chochev. Il Bari sale a quota 61 punti, isolandosi momentaneamente al quinto posto.

Grosso: «Prova di orgoglio, è venuto fuori il carattere della squadra»
«Sono orgoglioso della prova dei ragazzi, abbiamo rimesso in piedi una gara che si era messa male - ha spiegato Fabio Grosso davanti alle telecamere di Sky -. Nel primo tempo non avevamo fluidità, poi quando abbiamo cambiato modulo siamo andati meglio, volevamo vincerla ma sapevamo che era difficile. Abbiamo preso un gol, siamo rimasti in inferiorità numerica, lì è venuto fuori il carattere della squadra. Dove possiamo arrivare? Ragioniamo di partita in partita, penso che stiamo disputando un ottimo campionato con tanti alti e bassi, ma oggi abbiamo fatto una signora partita».

Il tabellino
Palermo-Bari 1-1

Palermo (4-3-2-1): Pomini; Rispoli, Struna, Rajkovic, Aleesami; Murawski (38’st. Fiordilino), Chochev, Rolando; Gnahore (18’st. Moreo), Coronado; La Gumina. In panchina: Maniero, Posavec, Accardi, Trajkovski, Jajalo, Balogh, Fiore, Dawidowicz, Ingegneri. Allenatore: Stellone.
Bari (3-5-2): Micai; Empereur (15’st. Galano), Marrone, Gyomber; Anderson, Tello (37’st. Andrada), Basha, Henderson, Balkovec; Nenè, Cissè (23’st. Floro Flores). In panchina: De Lucia, Conti, Sabelli, Oikonomou, Petriccione, Kozak, Iocolano, Floro Flores, Diakhite, Busellato. Allenatore: Grosso.

Arbitro: Aureliano di Bologna (assistenti Rossi, Rocca; quarto uomo Fourneau).
Reti: 35’st. La Gumina, 44’st. Nené
Note: Espulsi al 40’st. Marrone (doppia ammonizione), al 48’st. Henderson (gioco pericoloso). Ammoniti: Nené, Empereur, Chochev, Balkovec, Basha, Rolando. Recupero 2’+5'.

Lascia il tuo commento
commenti