Un salto nel passato con Nicola Conte

Rituals, la musica moderna in chiave jazz

Francesco Serini PLANET GROOVE
Bari - martedì 22 gennaio 2013
©

Planet groove è una rubrica che racconta anche musica già ascoltata ma non approfondita per una moltitudine di ragioni. Proprio per questo motivo questa volta ho pensato di raccontarvi di un album già pubblicato e già strasuonato di Nicola Conte, ossia Rituals.

Conte con quest’album ha deciso di mettere in pratica tutta la sua esperienza musicale e culturale pensando ad un progetto impegnativo e ambizioso. I suoni sono tipicamente jazz, l’artista pugliese mette leggermente da parte il suo stile pop per dare rilevanza al suo stile jazz.

Rituals è concepito per rimandare l’idea di musica moderna in chiave jazz con voci e musicisti che amano la musica e ne fanno la loro vita. L’elettronica  riesce ad avere un piccolo spazio di contorno su brani sperimentali, caldi e jazzati.

Tra le voci scelte, la voce di James è strepitosa e soprattutto in The Nubian Queens si colgono stile e parole alla Miles Davis. I musicisti sono veramente di altissimo livello, da Bosso a Partipilo si ascoltano note suonate con stile e verve artistica.

Un album riuscito e un Conte che spicca per la sua capacità di unire e dirigere tutto.

TRACCE
Karma Flower
The Nubian Queens
Like Leaves In The Wind
Love In / Awakening
Paper Clouds
I See All Shades Of You
Macedonia
Song For The Seasons
Red Sun
Black Is The Graceful Veil
Caravan
Rituals

Altri articoli
Gli articoli più letti