Sort of devolution, la svolta di Fink

Etichetta : Ninja Tune

Francesco Serini PLANET GROOVE
Bari - giovedì 22 novembre 2012
©

Il terzo disco e’ la svolta di Fink, il sound ormai e’ diretto verso una completa maturazione artistica, dal dj set, al successo in itunes, la melodia originalissima porta finalmente questo genio ad avere la giusta importanza. Sort of devolution non e’ cosi’ lontano da
Biscuits For Breakfast o da Distance and Time, ma il vero protagonista e’ la voce di Fink e la verve artistica, un talento  puro.

Timidissimi gli strumenti, molto piu’ dei precedenti lavori, sottolineano ogni tanto alcune parti strumentali rendendo ancora piu’ caldo e colmo di stile la musica e il testo. Chiaramente le vere attrici protagoniste sono sempre la chitarra acustica e la batteria. L’anima da dj di Fink da un impronta forte su tracce come Maker e Pigtails.Una pioggia di dettagli acustici e sfumature accentuano la parte gospel di Q & A. L’artista inglese e la sua etichetta (Ninja Tune) ancora una volta con sonorità elettroniche dimostrano di dar vita’ ad un album che punta sulla voce delicata di Fink, mettendo in risalto il blues, il folk,il soul e l’elettronica, sfruttando importanti collaborazioni come quella di John Legend.

Ottimo disco,ottimo artista …..cd imperdibile.

Track list:

Sort of devolution
Move on me
Six weeks
Nothing is ever Finished
See it all
Q&a
If I had a million
Pigtails
Maker
Walking ‘ in the sun

Altri articoli
Gli articoli più letti