Commerciale e terzo settore: questi gli ambiti lavorativi in voga al Job Meeting 2012

Giovani visitatori alla ricerca di una chance anche per loro

la Redazione Look for Jobs
Bari - lunedì 25 giugno 2012
©

Si è tenuta a Bari lo scorso 29 maggio la IX edizione del Job Meeting a Bari. Siamo andati in giro per voi tra gli stand presenti in quella che non vuole essere una fiera annuale, ma una vera e propria occasione offerta a tutti coloro che, in possesso di un titolo di studio, sono alla ricerca di una prima occupazione e non solo. Un’occasione per niente isolata ma che continua quotidianamente online sul sito www.jobmeeting.it

Siamo andati in giro per voi non solo a raccogliere le offerte di lavoro proposte dalle aziende presenti con i loro responsabili delle risorse umane, ma abbiamo anche raccolto le impressioni di tanti ragazzi provenienti da tutta la Regione che aspirano a diventare parte integrante di queste aziende.

Il profilo maggiormente richieste dalle imprese che abbiamo interpellato (Migro, Leroy Merlin solo per cintarne alcune) è quello dei neo laureati, in cerca di prima occupazione, in possesso della conoscenza delle lingue straniere (non solo inglese, ma anche lingue dei paesi dell’est europa: albanese, polacco, ma anche cinese), ma soprattutto giovani con tanta voglia di mettersi in gioco e di conoscere nuove realtà territoriali.

Dal canto loro i ragazzi presenti lì, curriculum alla mano, sono alla ricerca di un ingresso in aziende che operano in settori in linea con gli studi appena conclusi, – o i n procinto di terminare – in genere multinazionali. Code interminabili davanti agli stand di Bnl Paribas, Leroy Merlin, Indesit, Johnson & Johnson, tutte con posizioni aperte nel territorio nazionale e internazionale.

Tra aspiranti manager soddisfatti dell’offerta proposta dalla Cesop Communication Srl – la società che cura il progetto Jobmeeting – ne abbiamo trovati altri non contenti, a tratti demoralizzati, del fatto che non ci fossero aziende che operano nel settore ambientale o del fotovoltaico; oltre alla KPMG non c’erano altri rappresnetanti del settore della revisione contabile. Mancavano posizioni aperte per gli aspiranti responsabili marketing o risorse umane.

C’erano anche parecchi stand, ma poco frequentati dai visitatori, di realtà operanti nel terzo settore, un nuovo ambito lavorativo a cui evidentemente i giovani non guardano ancora in termini di appetibilità, eppure uno dei settori su cui lo stesso progetto Job meeting punta. In un momento storico come quello attuale, dove è più facile sentir parlare di aziende che chiudono e lavoratori in cassa integrazione, forse è il caso che i giovani laureati abbandonino i vecchi stereotipi dei nostri padri, e guardino oltre il proprio ideale...chissà che dietro l’angolo c’è un’opportunità per tutti loro in un settore mai immaginato!

Altri articoli
Gli articoli più letti