Indagini dei Carabinieri

Minacce al sacerdote in cambio di denaro

In carcere 31enne di origine tunisina

Cronaca
Bari giovedì 08 marzo 2018
di La Redazione
La chiesa di San Ferdinando via Sparano
La chiesa di San Ferdinando via Sparano © n.c.

Dovrà rispondere di estorsione aggravata e continuata un tunisino di 31 anni, Amine Chergui, arrestato oggi a Bari dai Carabinieri della stazione di San Nicola.

Le indagini sono state avviate dopo una denuncia sporta dal parroco della chiesa di San Ferdinando, in via Sparano. Per gli inquirenti, lo straniero avrebbe importunato i fedeli e riferito al parroco, al viceparroco e al sacrista, l'intenzione di distruggere la chiesa o che avrebbe fatto loro del male, minacciandoli anche di morte, millantando contatti, per indurli a consegnargli somme di denaro.

I fatti contestati si sarebbero svolti dal 2014 al 2017.

Nella vicenda, la cui condotta si è connotata per il suo particolare allarme sociale, è stato fondamentale non solo il tempestivo intervento da parte dei Carabinieri, ma anche la collaborazione degli ecclesiastici.

Per il 31enne si sono aperte le porte del carcere di Bari.

Lascia il tuo commento
commenti