Social

Bari - giovedì 16 febbraio 2017 Cronaca

L'inchiesta

Indagini nel Foggiano, la Dia sequestra beni per un milione di euro

Sigilli a terreni, appartamenti, società, conti e veicoli

Indagini nel Foggiano, la Dia sequestra beni per un milione di euro © n.c.
di La Redazione

Il Centro operativo della Direzione investigativa antimafia di Bari, in collaborazione con i Carabinieri della compagnia di San Severo, ha proceduto al sequestro, disposto dal Tribunale di Foggia, di numerosi beni a San Severo, Orta Nova e Ordona.

Sigilli sono stati pposti a 11 terreni (totale 13 ettari), 7 immobili (2 appartamenti e 5 locali), 2 società, conti correnti, libretti di deposito e 16 mezzi (tra rimorchi, motrici, auto e moto), per un valore complessivo di circa un milione di euro.

Due i destinatari del sequestro. Si tratta di Leopoldo Cartanese e di Gerio Ciaffa.

Il primo si trova attualmente in carcere con le accuse di commercio, detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Nei suoi confronti sono stati sequestrati terreni, immobili, mezzi, società (inclusi i beni aziendali di una impresa individuale) e disponibilità finanziarie;

Ciaffa è stato già condannato a tre anni, 9 mesi e 10 giorni, con l'accusa di aver fatto parte di una banda dedita al traffico di rifiuti (sentenza confermata anche dalla I Sezione Penale della Corte d’Appello di Bari lo scorso 18 maggio).

Il sequestro di oggi si somma ai precedenti effettuati a carico dello stesso Ciaffa: nel complesso 79 terreni (per un totale di 179 ettari), 3 fabbricati rurali, 2 immobili (1 appartamento e 1 locale), 3 società, 6 conti correnti, 1 libretto di deposito, 1 polizza, 55 mezzi (tra escavatori, trattori, rimorchi, auto e moto).

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo