In collaborazione con l’associazione Gabriel

Laboratorio di estetica oncologica al Giovanni Paolo II

Il 14 giugno alle 10 con Daniela Madaghiele

Attualità
Bari mercoledì 13 giugno 2018
di La Redazione
L'Istituto Giovanni Paolo II
L'Istituto Giovanni Paolo II © n.c.

“Come mi trasformerò? Perderò i capelli?” Sono queste le prime domande che le donne rivolgono al medico come reazione alla diagnosi di un cancro. Corpo, viso e chioma sono il primo contatto di comunicazione col mondo esterno ed è naturale che una donna sia spaventata dal cambiamento estetico che l’aspetta. L'estetica oncologica, prima di essere una "branca del beauty", è un progetto molto sensibile che mira ad insegnare alle donne affette da cancro a prendersi cura della propria immagine e bellezza nonostante il cancro.

Daniela Madaghiele, consulente di bellezza certificata International Society for Oncology Esthetics (Isfoe), giovedì 14 giugno sarà all’Istituto Tumori Bari Giovanni Paolo II (ore 10, hall del reparto Don Tonino Bello diretto da Geny Palmiotti) per un laboratorio di bellezza. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con l’associazione Gabriel, presieduta da Antonella Daloiso, che da anni si dedica all’umanizzazione delle cure in oncologia.

«Sapere che oggi accanto alle terapie oncologiche – spiega Madaghiele - esiste la possibilità di pensare alla propria bellezza nonostante il tumore, può cambiare molto la percezione delle donne come malate di cancro, e quindi la propria qualità di vita che si ripercuote sull'andamento della malattia».

Daniela Madaghiele insegnerà alle pazienti ad esaltare i punti di forza della loro femminilità che rimangono invariati nonostante la malattia, come tutelare la pelle del viso (perché un viso roseo è indice di bellezza), quali caratteristiche deve possedere un cosmetico affinché non danneggi ulteriormente la cute durante la terapia e a sfruttare il potere del colore nel make up, per scongiurare il pallore e le discromie. Ad ogni partecipante sarà consegnato un segnalibro da conservare in borsa con l'elenco degli inci (ingredienti cosmetici) da evitare durante le cure.

«Negli incontri successivi – aggiunge la consulente di bellezza – studieremo le tecniche per indossare i turbanti, come scegliere detergenti e cosmetici, come fare la manicure e approfondiremo i massaggi contro le aderenze cicatriziali».

Il laboratorio è un percorso che mira alla cura di sé, della propria immagine e del proprio benessere psicologico.

Lascia il tuo commento
commenti