Ambiente

Inceneritore, il Comune chiede accesso agli atti

Decaro scrive all’avvocatura comunale: ricorso se non riapre procedura Aia

Attualità
Bari giovedì 08 febbraio 2018
di La Redazione
Un inceneritore
Un inceneritore © n.c.

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, nel pomeriggio di ieri ha scritto una nota ufficiale all’avvocatura comunale per attivare le procedure dell’eventuale ricorso, da presentare nel caso in cui non si riaprisse la procedura Aia, l'autorizzazione integrata ambientale, contro l’approvazione del progetto dell’impianto di trattamento dei rifiuti della Newo.

Contestualmente il sindaco ha fatto richiesta di accesso agli atti alla Sezione competitività e ricerca dei sistemi produttivi della Regione Puglia per verificare la documentazione, presentata dall’azienda, utile alla concessione di un cospicuo finanziamento pubblico da parte di Puglia Sviluppo per la realizzazione dell'inceneritore.

Nello specifico, nella nota inviata si richiede “di acquisire copia di tutti gli atti e/o provvedimenti adottati nel corso della fase istruttoria della medesima procedura di finanziamento avviata dalla Newo S.p.A., con particolare riferimento ad ogni eventuale parere reso, nonché copia del progetto presentato dalla proponente e del relativo piano economico e finanziario”.

Allo stesso tempo, è stata trasmessa a Puglia Sviluppo e alla sezione regionale la nota in cui l’Amiu Puglia dichiara al Comune di Bari di non “avere in essere alcun rapporto contrattuale con la società Newo, nè alcun accordo di collaborazione, né impegno che preveda il conferimento dei rifiuti biostabilizzati presso l’impianto di ossidocombustione a realizzarsi”.

Con la stessa nota si invitano gli stessi uffici, ciascuno per le proprie competenze, ad accertare se nella procedura di finanziamento avviata dalla Newo S.p.A. sia assunto a fondamento del Piano economico e finanziario presentato il conferimento di rifiuti solidi urbani da parte dell’Amiu Puglia Spa (anche se trattati).

Lascia il tuo commento
commenti