Una piaga sociale

Bari nel buco nero del gioco, nel 2016 spesi 257 milioni di euro

L'inchiesta di Gedi, Visual Lab e Dataninja. Ogni cittadino nel 2016 ha speso in media 794 euro

Attualità
Bari sabato 16 dicembre 2017
di La Redazione
Slot machine
Slot machine © Larassegna.it

Ammonta a 257,46 milioni di euro la cifra spesa dai baresi nel 2016 per giocare a slot machine, lotterie, gratta e vinci, scommesse, Superenalotto e giochi vari.

Il dato è stato rivelato da un'indagine dei quotidiali locali Gedi e del Visual Lab in collaborazione con Dataninja, ottenuta incrociando i dati di popolazione (Istat), reddito (Mef) e raccolta gioco (Aams). Una mappa interattiva "L'Italia delle slot", consente infatti di cercare per ogni comune italiano i dati sulle giocate.

Il capoluogo
Sono 794 gli euro spesi pro capite in giocate dai 324.198 cittadini di Bari nel 2016. Di questi, 218 euro sono destinati alle Awp (cosiddette "new slot") mentre 576 euro vanno a finire nelle Vlt (Videolottery).

Ammontano, come detto, invece 257,46 milioni di euro le giocate complessive nel 2016 (-0,1% rispetto al 2015), mentre sono 1.498 gli apparecchi in città (4,6 ogni mille abitanti).

Il reddito pro-capite dei baresi si è attestato, nel 2016, sui 20.289 euro.

Il confronto
Al capoluogo è stato assegnato un valore di virtuosità pari a due (su una scala di cinque). Monopoli detiene il triste primato delle giocate pro capite (1.072 euro). Più indietro, Terlizzi (704 euro) e Molfetta (642 euro). Solo A Bitonto (334 euro) si registra una spesa minore.

Lascia il tuo commento
commenti