Social

Bari - mercoledì 24 febbraio 2016 Cronaca

Indagini della Polizia

Raid nel dipartimento di Scienze della Formazione, otto arresti. Due i minorenni

A gennaio del 2015 presero d'assalto l'edificio universitario. Accusati anche di altri episodi. Piazza Cesare Battisti la loro base logistica

Un'immagine tratta da un filmato delle telecamere di sorveglianza © n.c.
di La Redazione

Furto aggravato, ricettazione, riciclaggio e rapina aggravata. Queste le accuse, a vario titolo, per otto persone arrestate questa mattina dalla Polizia.

Due le ordinanze di custodia cautelare, emesse dai giudici per le indagini preliminari del Tribunale di Bari e del Tribunale per i Minorenni.

I soggetti fermati, di nazionalità italiana, rumena e senegalese, hanno tutti precedenti alle spalle. Due sono minorenni.

I reati loro contestati riguardano ujn'indagine avviata dalla Squadra mobile a gennaio dello scorso anno dopo la razzia nel dipartimento di Scienze della formazione dell’Università degli Studi di Bari, in via Crisanzio.

Pesante il bilancio: furono sottratte apparecchiature tecnologiche e informatiche e gravemente danneggiati gli arredi e le strutture dei locali universitari.

Le indagini si sono avvalse anche dei filmati registrati dal sistema di videosorveglianza in piazza Cesare Battisti e dalle telecamere degli esercizi commerciali.

Gli arrestati, hanno ricostruito gli inquirenti, utilizzavano i giardini della piazza tra l'Ateneo e la facoltà di Giurisprudenza come base operativa della loro attività che comprendeva numerosi furti, commessi durante le ore notturne, ai danni di negozi del centro cittadino.

Il quadro probatorio è stato arricchito dai rilievi tecnici dei Carabinieri di Bari. Un'impronta, rilevata nei locali dell’Università, si è rivelata utilie alle indagini.
 

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo